Cos’è la Meditazione?

blog-meditazione-yoga

La meditazione non è qualcosa di nuovo, è un'abilità antica che viene praticata da migliaia di anni, ma c'è un grande malinteso su cosa sia realmente. La maggior parte delle persone pensa che la meditazione sia una cosa che fanno i monaci o i santi mentre sono seduti a gambe incrociate o in Padmasana con gli occhi chiusi sulla cima di una montagna, ma in realtà è qualcosa che può essere fatto ovunque e da chiunque. La meditazione è una tecnica per rilassare la mente e raggiungere uno stato di coscienza completamente diverso dal normale stato di veglia. Non si tratta di concentrarsi ma di non concentrarsi. Non si tratta di focalizzare i tuoi pensieri su una cosa, ma piuttosto di restare senza pensieri

La meditazione è una pratica per calmarti, lasciar andare ciò che non puoi controllare e avere chiarezza. È un modo per guidare la mente in maniera tale da non esserne distratto e intrappolato nel suo continuo agitarsi. La meditazione ti allena per scoprire a fondo le tue dimensioni interiori. Questo è un sistema di impegno, non un comandamento. Nella mediazione, in realtà ti stai impegnando con te stesso, con il tuo percorso e con l'obiettivo di conoscerti.

Perché la meditazione è importante

La meditazione è importante per molte ragioni. Innanzitutto attraverso di essa inizia un processo di attualizzazione multidimensionale. Ha un profondo impatto sulla tua vita che include equilibrio, veglia, integrità e il massimo compimento dell'essere umano. Si dice che la meditazione sia un processo di addomesticamento della mente per focalizzare e indirizzare i pensieri. Puoi usarla per aumentare la consapevolezza di te stesso.

Funziona a meraviglia nel ridurre lo stress e sviluppare la concentrazione. La meditazione aiuta anche a creare pensieri positivi, buone abitudini ed emozioni migliori, anche per avere una visione ottimistica, schemi di sonno sani, autodisciplina e persino una maggiore tolleranza al dolore. La popolarità della meditazione sta aumentando di giorno in giorno in tutto il mondo man mano che sempre più persone ne scoprono i benefici.

La Meditazione è una pratica religiosa?

Dhyana è uno degli otto gradini del Raja Yoga dei Patanjali. Nella meditazione, la tua mente è rilassata, calma e focalizzata interiormente. Sei pienamente vigile e sveglio e la tua mente non presta attenzione al mondo esterno e a ciò che sta accadendo intorno a te. Ci sono state anche centinaia di ricerche e studi che dimostrano che la meditazione non fa parte di nessuna religione; è una scienza, che segue un certo ordine, ha principi specifici e produce risultati che possono essere verificati.

Basta osservare il flusso naturale del respiro senza cercare di controllarlo. Sii consapevole di ogni respiro che fai senza giudicarlo o tentare di controllarlo o cambiarlo. All'inizio può essere irregolare e difficile, ma gradualmente il tuo respiro diventerà regolare e uniforme, senza pause e sussulti.

La meditazione ha svolto un ruolo vitale in diverse pratiche spirituali e religiose, ma è indipendente da qualsiasi religione. In effetti, la meditazione diventa più efficace se disaccoppiata da qualsiasi tipo di pratica religiosa. A differenza della religione, dhyana non significa concetti irreali e amorfi. La sua pratica costante ti sveglia e ti conduce sul sentiero dell'autorealizzazione.

Qual’è l'obiettivo della Meditazione?

Siamo sempre stati abituati ad osservare e verificare solo le cose nel mondo esterno. Nemmeno una sola persona ci ha insegnato a guardarci dentro, a trovarci e a verificare il nostro vero essere. Quindi, rimaniamo sempre sconosciuti a noi stessi, mentre cerchiamo di socializzare e conoscere gli altri. Il motivo principale per cui le nostre relazioni non funzionano è la mancanza di comprensione di sé. Ed è per questo che siamo confusi e delusi della nostra vita. Una parte molto piccola della nostra mente è alimentata dal sistema educativo formale. La parte della mente che controlla i sogni e il sonno: la vasta sfera della mente subconscia è la memoria di tutte le nostre esperienze passate. È un dato di fatto che tutto il nostro corpo risiede nella mente, ma tutta la nostra mente non è nel corpo. Senza la pratica della meditazione, non esiste altro metodo per controllarla effettivamente.

Lo scopo della meditazione è di andare oltre la mente e sperimentare la nostra vera natura di pace, amore e felicità. Chi pratica la meditazione sa che la mente stessa è il principale ostacolo che si frappone tra noi e questa consapevolezza. Lei è sregolata e indisciplinata e resiste ai tentativi di domarla o di dirigerla su un determinato percorso. Quando le persone si siedono per meditare, sperimentano sogni ad occhi aperti, fantasie o allucinazioni. All'inizio è difficile raggiungere l'immobilità che distingue l'autentica esperienza della meditazione.

Dall'infanzia, ci viene insegnato dai nostri genitori e dagli anziani come muoversi e agire nel mondo esterno, ma non ci viene insegnato come stare fermi ed esaminare ciò che è dentro di noi. Quando impariamo a farlo attraverso la meditazione, sperimentiamo il massimo di tutte le gioie che possano mai essere raggiunte con qualsiasi altro mezzo. Tutti gli altri piaceri del mondo sono transitori, ma la gioia che deriva dalla meditazione è immensa ed eterna. È la verità ultima sperimentata dalla lunga serie di saggi, sia quelli che hanno rinunciato al mondo e raggiunto la verità, sia quelli che hanno continuato a vivere nel mondo, ma non ne sono stati influenzati.

Quali sono i passaggi preparatori per la meditazione?

fissare-un-calendario
Fissare un calendario:

È necessario pianificare un luogo specifico per fare pratica quotidiana e attenersi allo stesso. Il primo mattino tra le 3:30 e le 5:30 è Brahmamuhurta cioè in quel momento la natura è serena, pura e più energica. Inoltre, la mente è più rinfrescata, calma e tranquilla dopo una buona notte di sonno. Questo momento della giornata è dominato da sattva guna che significa la purezza nella mente e nell'atmosfera.

Durante questo periodo della giornata, la corrente di Raga-Dvesha non è così attiva e non è entrata nella mente. Il tempo del mattino presto è il migliore per plasmare la vostra mente e infonderla con pensieri divini.

trova-un-posto-tranquillo
Trova un posto tranquillo:

Come un orario prestabilito, un luogo definito e appartato è davvero importante. Scegli un luogo tranquillo, ordinato e silenzioso dove non sarai disturbato.

Un luogo ideale può migliorare la tua pratica e portare ad essa enormi benefici. Diventa facile connettersi a se stesse nella natura, come in montagna, sulle spiagge, vicino ai fiumi, ecc. Anche in luoghi spirituali.

posizione-comoda
Posizione comoda:

Posture makes a difference too. You can sit on the floor with a cushion under your sit bones or in a firm chair, with your spine straight and your eyes closed. Meditative postures like Sukhasana, Padmasana, Siddhasana, etc can also be chosen for a relaxed, comfortable and steady pose.

Quindi porta lentamente la tua consapevolezza sul tuo corpo, lascia rilassare tutti i muscoli tranne quelli che sostengono la testa, il collo e la schiena.

respiro
Ascolta il tuo Respiro:

Una volta che il tuo corpo è rilassato e calmo, porta tutta la tua consapevolezza al respiro. La respirazione dovrebbe essere profonda, lenta e silenziosa e dovrebbe venire principalmente attraverso il movimento del diaframma. Respirare attraverso l'addome e non attraverso il torace.

Basta osservare il flusso naturale del respiro senza cercare di controllarlo. Sii consapevole di ogni respiro che fai senza giudicarlo o tentare di controllarlo o cambiarlo. All'inizio può essere irregolare e difficile, ma gradualmente il tuo respiro diventerà regolare e uniforme, senza pause e sussulti.

apri-gli-occhi
Apri gli occhi lentamente:

Dopo la fine della meditazione, apri gli occhi delicatamente e gradualmente. Prenditi del tempo per essere consapevole del tuo corpo e dell'ambiente circostante.

Quindi non avere fretta di aprire gli occhi in quanto può disturbare il flusso di energia nel corpo.

linea-di-fondo
Qual è la linea di fondo?

Meditare significa comprendere gradualmente tutti i livelli del tuo essere, un livello dopo l'altro. Sii onesto con te stesso e la tua pratica. Non importa cosa dicono gli altri delle loro esperienze: tieni la mente concentrata sul tuo obiettivo.

È la tua stessa mente che non ti consente di meditare. Per allenarla, dovrai essere paziente e lavorare con te stesso progressivamente.

Articoli Correlati